detossidetossi.mu

INTEGRATORE ALIMENTARE
GOCCE 30 ml
ANTIOSSIDANTE
PATOLOGIE ARTICOLARI E CARDIOVASCOLARI
ANTIAGE

 

E’ indicato per integrare l’alimentazione nell’eccessiva produzione di ROS (specie reattive dell’ossigeno) più comunemente noti come radicali liberi. I radicali liberi sono molecole di ossigeno altamente reattive ed instabili, che possono provocare danni al DNA, alle strutture cellulari e ai tessuti. L’esposizione al calore, alle radiazioni, l’inquinamento ambientale, l’assunzione di alcool, l’attività fisica intensa, un’alimentazione inadeguata, gli alimenti non tollerati, il fumo di sigaretta, l’assunzione di alcuni farmaci, i processi infiammatori, possono promuovere la produzione di ROS. L’azione dei radicali liberi è stata associata all’insorgenza di malattie cardiache, ai tumori, alla cataratta, all’artrite, alle malattie neurodegenerative. L’impiego degli antiossidanti può ridurre i danni causati dai radicali liberi.

SCHEDA PRODOTTO detossi.mu pulsanteprotocolli MU dei prodotti

FORMA FARMACEUTICA

Flacone da 30ml

COMPOSIZIONE

Curcuma longa (curcuma) - rizoma
Quercitina
Poligonum cuspidatum (poligonum) - rizoma
Camelia sinensis (thé verde) - foglie
Vitis vinifera (vite) - gemme

MODALITA' D'USO

10 gocce 3 volte al giorno, diluite in poca acqua, preferibilmente lontano dai pasti.

PROPRIETA' DEI COMPONENTI

Curcuma longa:

Contiene curcuminoidi, ciclocurcumina, turmenolo a e b, tumerina, polisaccaridi. Ai curcuminoidi sono dovute le proprietà: antinfiammatoria, antivirale e detossificante generale e in particolare del fegato, agendo sui tassi serici di got, gpt. Alla Curcuma è attribuita una potente attività antiossidante in particolare il turmenolo a e b previene l’autoossidazione dell’acido linoleico, acido grasso che fa parte della struttura della membrana cellulare. L’attività antinfiammatoria, è stata evidenziata sia nelle infiammazioni acute che croniche.

Quercitina:

La Quercitina è un bioflavonoide antiossidante noto per la sua elevata capacità di combattere i radicali liberi inibendo gli enzimi ciclossigenasi e lipossigenasi e quindi riducendo la produzione dei principali mediatori infiammatori: istamina, bradichinina e PGE2. La Quercitina inibisce inoltre la produzione di istamina stabilizzando i basofili ed è quindi efficace nel trattamento delle malattie allergiche, in particolar modo ha un’azione diretta sulle mucose del tratto intestinale riducendo le reazioni agli allergeni alimentari. Uno studio longitudinale su 809 uomini seguiti per 5 anni (Lancet, 23 octobre 1993; 342: 1007- 11) mostra che un consumo elevato di Quercitina riduce di un terzo il rischio cardiovascolare globale.

Poligonum cuspidatum:

Il Poligonum è una delle fonti più ricche di resveratrolo. Nota sin dall’antichità ed impiegata in toto come erba lassativa, ha assunto oggi importanza rilevante proprio per l’elevata concentrazione di resveratrolo presente nelle radici. Sempre più numerosi sono infatti i riscontri che all’assunzione di composti con attività antiossidante sia associabile una riduzione del rischio di insorgenza di malattie croniche quali le malattie cardiovascolari. In particolare sono molti gli studi a sostegno degli effetti benefici per l’organismo proprio del resveratrolo, ritenuto oggi uno dei più potenti antiossidanti. Il resveratrolo è un composto che si trova naturalmente in molti prodotti alimentari di origine vegetale, quali l’uva rossa e le arachidi; si trova inoltre in alcune piante, di cui il Poligonum cuspidatum, o Japanese knotweed, o Caprifoglio giapponese, è la fonte elettiva arrivando a contenere quantità anche 400 volte superiori a quelle dell’uva. Il resveratrolo inibisce l’ossidazione del colesterolo LDL, nonché l’aggregazione piastrinica e parallelamente riduce il livello di colesterolo e di trigliceridi; induce un effetto vasodilatatore del sistema arterioso. Gli studi farmacologici hanno evidenziato altri meccanismi per il resveratrolo: uno dei più interessanti è l’azione fitoestrogenica, che si attua sia simulando l’azione degli estrogeni endogeni che attraverso la competizione con i recettori cellulari di questi ormoni; questi effetti sono utili per la protezione della donna dalle malattie cardiovascolari conseguenti agli sbilanci ormonali della menopausa. Va sottolineata l’importanza delle fonti naturali e standardizzate di resveratrolo per la presenza del fitocomplesso e per la diversa attività biologica degli isomeri della molecola: è stato osservato che il trans-resveratrol, cioè quello naturalmente presente nella pianta del Poligonum, è l’isomero bioattivo a differenza del cis-resveratrolo che non è dotato delle stesse proprietà biologiche

Camelia sinensis:

Contiene polifenoli (tannini), proteine, flavonoidi (quercetina, quercitrina ecc.); aminoacidi; steroli, vitamina C; olio essenziale, teobromina, teofillina. I tannini (epicatecolo, epigallocatecolo) diminuiscono la colesterolemia in cavie alimentate con dieta ricca in colesterolo e lipidi, con un miglior rapporto fra colesterolo HDL e LDL. Sembra che i polifenoli siano in grado di far aumentare il tasso di adrenalina, la quale è responsabile dell’incremento della lipolisi, con conseguente consumo di lipidi (questa la proprietà per cui il te’ verde viene impiegato nelle terapie dimagranti); l’effetto di ridurre i grassi nel sangue sembra dovuto anche alle saponine, che legandosi al colesterolo contenuto nei cibi gli impedisce di entrare nel flusso sanguigno. La catechina limita l’attività dell’ace, enzima che catalizza la formazione dell’angiotensina 2, sostanza che ha una forte azione ipertensiva. Può quindi risultare utile a chi è soggetto ipertensione. La catechina inibisce inoltre la predisposizione alla coagulazione delle piastrine, con un effetto simile a quello dell’aspirina. Le proprietà ipocolesterolemizzante, ipertensiva, antiaggregante piastrinica, attribuiscono al te’ verde un’azione preventiva dei disturbi cardiocircolatori. Nei roditori il gallato di epigallo-catechina si è dimostrato efficace nell’inibire lo sviluppo del cancro provocato dalle nitrosamine, mostrando azione anticancerogena e antimutagena, a queste azioni contribuisce anche l’attività antiossidante svolta dai polifenoli (catechine) che si è rilevata più efficace di quella svolta dalla vitamina E. I polifenoli sono inibitori della perossidazione lipidica a livello dei mitocondri, hanno un’azione antiradicali liberi contribuendo a rallentare la degenerazione cellulare.

Vitis vinifera:

Ricca in tannini, levulosio, inositolo, flavonoidi, quercitina e quercitrina, acido malico, acido acetico, acido succinico, carotene, colina, glutamina, la pianta è conosciuta da tempo per avere una valida azione fleboprotettiva, venotonica e capillaroprotettiva. Si tratta di un’attività svolta a livello del microcircolo grazie all’azione degli antocianosidi: diminuzione della permeabilità dei capillari e aumento della loro resistenza. Trova impiego nelle manifestazioni funzionali e cliniche a carico del sistema venoso, in particolare insufficienza venosa degli arti inferiori, fragilità capillare, emorroidi e, come coadiuvante alle terapie farmacologiche, nella flebite; favorisce l’attività biologica della vitamina C e stimola l’attività dei sistemi enzimatici che intervengono nella sintesi del collageno. Questa pianta ha anche una valida azione contro i radicali liberi e risulta particolarmente indicata per la prevenzione di malattie croniche a carattere degenerativo e nei processi di invecchiamento cutaneo.

CONTROINDICAZIONI ED EFFETTI COLLATERALI

Gli studi farmacologici non riportano tossicità ed, alle dosi consigliate, non sono riportati effetti collaterali significativi. In gravidanza e durante l’allattamento consultare il medico.